Come sta cambiando l’affitto di uffici a Milano

Moro Real Estate, una ricerca, tante soluzioni

affitto uffici a Milano

Gli ultimi in ordine di tempo sono Amazon e Microsoft; le richieste di affitto di uffici a Milano continuano a dare risultati sonanti e incoraggianti.

Oltre 17 mila metri quadri in zona di via Monte Grappa per Amazon; 7.500 mq a Porta Volta (per un investimento di 10 milioni di euro) per Microsoft.  Sono questi solo gli ultimi nuovi arrivi nel capoluogo lombardo dove l’affitto di uffici sta portando a risultati sorprendenti. Nella dinamica del commercio globale sembra così assistere ad un contro flusso nel quale, come era facile prevedere, le grandi multinazionali stanno tornando a investire lì dove sono patite, ovvero nelle proprie sedi di lavoro; appunto, negli uffici.

Uffici che tuttavia sono cambiati parecchio negli ultimi due decenni in quanto a concetto e strumento di lavoro; tutte le nuove acquisizioni infatti prevedono l’accentramento degli uffici nelle zone centrali e in edifici di alto impatto estetico. Non è la ricerca del lusso a spingere questi marchi ad investire nel centro città, ma il nuovo concetto di ufficio; ambienti ampi, luminosi, centrali e soprattutto flessibili, adatti cioè a poter essere organizzati a seconda dei casi.

Si tratta di un fenomeno in rapida ascesa e che sta cambiando parecchio l’aspetto degli immobili dedicati all’affitto di uffici a Milano; niente più stanzini dove piazzare all’interno scrivanie con il nome del manager di turno in calce, ma open space, luoghi friendly da declinare per convegni, convention o luoghi di rappresentanza di quelle che appaiono come le ambascerie degli imperi economici globali.

About the Author: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *